Categoria: Dice Francesco

19 giugno 2018

NEL NAUFRAGIO DELLA SPERANZA LE SORPRESE DI DIO

Appello agli Stati perché stipulino un Patto per una migrazione sicura, ordinata e regolare. Il chicco di grano e il granello di senape

5 giugno 2018

FARCI PANE SPEZZATO E SANGUE VERSATO PER I FRATELLI

Il significato del “Corpus Domini”: ricevere l’amore di Dio e condividerlo con gli altri per edificare la storia

29 maggio 2018

UNA TRAGICA DICOTOMIA TRA L’ETICA RELIGIOSA E GLI INTERESSI PRATICI DELL’ATTUALE COMUNITÀ DEGLI AFFARI

Il papa cita il documento “Oeconomicae et pecuniariae questiones” per richiamare i sistemi economici e finanziari al rispetto delle persone e del bene comune

22 maggio 2018

CHE DIMINUISCA LA CHIESA PERCHÉ CRESCA LA FEDE

Nella sua lettera ai trentaquattro vescovi del Cile prima che tutti rimettessero il loro mandato il papa parla delle glorie e dei peccati della Chiesa e disegna l’immagine della Chiesa che sogna come la vera interprete del messaggio di salvezza: “Es necesario que él crezca… y que yo disminuya”

18 maggio 2018

LO STORICO DISCORSO AI MOVIMENTI POPOLARI

Un’alternativa umana alla globalizzazione escludente. Non aspettatevi da questo papa una ricetta. Non esiste una ricetta. Il futuro dell’umanità è nelle mani dei popoli, nelle mani che irrigano il processo di cambiamento. Contadini senza terra, famiglie senza casa, lavoratori senza diritti, persone senza lavoro

18 maggio 2018

UNA MINACCIA PER LA FAMIGLIA UMANA

L’indifferenza assume oggi una dimensione globale. Dio non è indifferente: il sangue di Abele ha grande valore ai suoi occhi e chiede a Caino di renderne conto. A livello istituzionale l’indifferenza favorisce e talvolta giustifica azioni e politiche che sono minacce alla pace e politiche economiche foriere di ingiustizie, divisioni e violenze. Il messaggio del 2016

13 aprile 2018

ORMAI LA FEDE SI ANNUNCIA CON GIOIA

Di gioia in gioia, si risale al Vaticano II: “Gaudete et exsultate” è il titolo dell’ultimo documento che viene dopo “Amoris laetitia” e “Evangelii Gaudium” di Francesco, dopo la “Gaudium et Spes” del Concilio e il “Gaudet Mater Ecclesia” di papa Giovanni. Il secondo capitolo del documento: la fede oltre la ragione, la grazia oltre le opere

5 aprile 2018

DIO NON SA FARE UN ANNUNCIO SENZA SORPRENDERCI

L’omelia in piazza san Pietro la mattina di Pasqua. Alla sorpresa corrisponde la fretta, il correre, per andare a vedere, per sapere, lasciando tutto per la novità che viene. Ma se qualcuno ha bisogno di un po’ più di tempo, Dio lo aspetta con amore

27 marzo 2018

GRIDATE PRIMA DELLE PIETRE

L’invito soprattutto rivolto ai giovani, di ogni Paese e religione, che i farisei di tutti i tempi, anche quelli di oggi, cercano di far tacere, di manipolare, e di togliere di mezzo. È il terzo grido, di chi decide di non restare zitto, di reagire al “crucifige”. Ed è il secondo favore chiesto da Francesco, dopo quello di pregare per lui

20 marzo 2018

OSARE SENTIERI NUOVI

Spesso Dio ha voluto parlare per mezzo dei più giovani.“Abbiamo bisogno di capire meglio quello che Dio e la storia ci stanno chiedendo. Se mancate voi, ci manca parte dell’accesso a Dio”. Una cultura nuova, ma non senza radici. La preparazione del Sinodo di ottobre