Da un genocidio all’altro

L’EUROPA E L’ITALIA SI TRINCERANO CONTRO I MIGRANTI

21 Dicembre 2023 / Editore / Dicono la loro / 0 Comment

L’Unione europea ha raggiunto un accordo sull’asilo che secondo i gruppi per i diritti creerà un “sistema crudele”

Jon Henley

Dal The Guardian pubblichiamo uno stralcio del seguente articolo:

I negoziatori dell’UE hanno raggiunto un accordo sulle regole volte a distribuire i costi e la responsabilità dell’accoglienza dei richiedenti asilo in tutto il blocco, limitando il numero di persone che arrivano e rendendo più facile l’espulsione di coloro le cui richieste non vengono accolte.

Dopo colloqui durati tutta la notte, i rappresentanti dei governi nazionali, del Parlamento europeo e della Commissione europea “hanno raggiunto un accordo sugli elementi politici fondamentali” del patto su asilo e migrazione, ha detto mercoledì la presidenza spagnola dell’UE.

Il controverso accordo apre la strada a un accordo definitivo che dovrebbe essere raggiunto prima delle elezioni del Parlamento europeo di giugno…

La presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha affermato che il patto “garantirà un’efficace risposta europea a questa sfida europea” e significherà che “gli europei decideranno chi viene nell’UE e chi può restare, non i trafficanti di esseri umani”.

Mentre i funzionari dell’UE celebravano l’accordo, tuttavia, gruppi per i diritti umani tra cui Amnesty, Oxfam, Caritas e Save the Children hanno criticato i cambiamenti, affermando in una lettera aperta che il pacchetto creerebbe un “sistema crudele” impraticabile.

Le leggi riguardano uno screening più rapido dei migranti irregolari al loro arrivo nell’UE, procedure per la gestione delle domande di asilo, norme per determinare quale paese dell’UE è responsabile della gestione delle domande e modi per affrontare le crisi future.

Il regime migratorio del blocco di fatto è crollato nel 2015, quando più di un milione di persone, la maggior parte in fuga dalla guerra in Siria o Iraq, sono arrivate nell’UE senza autorizzazione, e da allora i 27 Stati membri non sono d’accordo su come condividere la responsabilità degli arrivi irregolari.

Gli sforzi per rivedere il sistema sono falliti perché mentre gli stati “in prima linea” del sud, come la Grecia e l’Italia, hanno bisogno di aiuto con un gran numero di arrivi, gli stati membri del nord e dell’est non sono stati disposti ad accogliere più persone.

Secondo l’accordo, gli Stati in prima linea effettueranno controlli rapidi su tutti gli arrivi e prenderanno immagini facciali e impronte digitali. Le persone considerate un rischio per la sicurezza o le cui richieste di asilo sono considerate probabilmente respinte – tra cui donne e bambini – possono essere trattenute nei centri di detenzione di frontiera e affrontare una deportazione accelerata.

I paesi dell’entroterra, nel frattempo, potranno scegliere tra accettare un certo numero di rifugiati – in base alle dimensioni del PIL e della popolazione del paese e al numero di attraversamenti irregolari delle frontiere – o versare denaro in un fondo comune dell’UE. È stato inoltre raggiunto un accordo sul tipo di sostegno obbligatorio che gli Stati membri devono fornire a coloro che lottano per far fronte alle “situazioni di crisi”.

mercoledì l’ufficio europeo di Amnesty International ha affermato che le regole porterebbero a “un’ondata di sofferenza”, indebolendo i diritti dei richiedenti asilo, dei rifugiati e di altri, peggiorando la legislazione esistente e non riuscendo ad affrontare i problemi reali.

In pratica, ha affermato il gruppo, il patto si tradurrebbe in un numero maggiore di persone detenute ai confini europei, in un numero maggiore di richiedenti asilo sottoposti a “procedure inferiori agli standard”, in un sostegno limitato agli stati di confine dell’UE e in misure di emergenza che limitano l’asilo diventando la norma.

Eve Geddie, direttrice dell’ufficio UE di Amnesty, ha affermato che il patto “quasi certamente causerebbe la detenzione di fatto di più persone ai confini dell’UE”, con “tutele ridotte per le persone che cercano asilo nell’UE”.

Invece di dare priorità alla solidarietà attraverso le ricollocazioni e il rafforzamento dei sistemi di protezione, ha affermato, gli stati “potranno semplicemente pagare per rafforzare le frontiere esterne o finanziare i paesi al di fuori dell’UE per impedire alle persone di raggiungere l’Europa”.

Save the Children ha affermato che il patto porterebbe a violazioni dei diritti dei bambini, metterebbe in pericolo i bambini in movimento e separerebbe le famiglie migranti. Willy Bergogné, direttore per l’Europa, ha affermato che la priorità dei legislatori è stata chiaramente quella di “chiudere le frontiere, non proteggere le persone, comprese le famiglie e i bambini che fuggono dalla violenza, dai conflitti, dalla fame e dalla morte mentre cercavano protezione in Europa”…

L’eurodeputato verde belga Philippe Lamberts ha definito il patto “impraticabile”, affermando che “minerebbe il diritto di asilo, il diritto internazionale e i diritti umani” e “consoliderebbe politiche pericolose che stanno trasformando il Mediterraneo in un cimitero”.

Anche il gruppo di sinistra in parlamento è stato fortemente critico nei confronti dell’accordo, descrivendolo come “un giorno buio per l’UE” che ha segnato “la morte del diritto individuale all’asilo in Europa” e “l’attacco più significativo ai diritti di asilo e di migrazione dai tempi di è stata fondata l’Ue”.

Dopo il picco del 2015, gli arrivi di migranti e rifugiati nell’UE sono diminuiti costantemente fino al 2020, ma stanno nuovamente aumentando, raggiungendo i 255.000 nell’anno fino a novembre, di cui oltre la metà ha attraversato il Mediterraneo dall’Africa all’Italia o a Malta.

L’accordo formale su tutti i 10 punti del piano, il cui schema è stato inizialmente elaborato dai ministri degli Interni all’inizio di quest’anno dopo aver superato l’opposizione di Ungheria e Polonia, deve essere raggiunto entro febbraio, hanno detto funzionari ed eurodeputati.

Jon Henley

Be the first to comment “L’EUROPA E L’ITALIA SI TRINCERANO CONTRO I MIGRANTI”